Per anni ho creduto che il primo settembre fosse l’inizio del nuovo anno.
La vita di un bambino è un bel pò scandita dai ritmi di scuola così il primo gennaio era solo un giorno festivo in mezzo alle vacanze invernali. Dev’essere per questo che il tempo per me è sempre stato elastico, tendenzialmente allungato.
Comunque a settembre si riparte. In Italia si torna dalle vacanze, a meno che tu non sia pensionato, ti trovi in congedo matrimoniale, ti sia preso un anno sabbatico, faccia un lavoro stagionale tipo il pescatore di granchi reali nei mari del nord o poco altro. Non so voi ma io comunque riparto.

Cioè, nel senso che prima me ne rivado due tre giorni al mare e poi tirerò fuori tutta l’energia raccolta durante l’estate dai cannoli siciliani, le more infinite oltre quella siepe e i tramonti rosa shock sulle isole, per tornare iperattiva, più cicciotta  e produttiva su tutti i fronti.
i-baccelli-mamma-baccello-mariannissima-cuscino-da-vacanza-letture-estive

A settembre inoltre ogni anno compio gli anni. Riparto per forza di cose, proprio per natura.

A questo proposito vi anticipo che quando torno vorrei trovarvi tutti pronti a partecipare al contest de i Baccelli https://www.facebook.com/events/490952017733990/ , che  il 17 compio gli anni, che il 18/19/20 sarò al bellissimo WeekHand, il festival del fatto a mano a Foligno http://www.weekhand.it/   e che un giorno o l’altro, appena consegno il compitino, avrò un sito tutto mio (abbiate pazienza voi che avete pazienza)!

Settembre, andiamo su che è tempo di emigrare ma prima devo passare l’aspirapolvere.

Annunci